Italian English French German Spanish

Erice, di una bellezza indimenticabile, l’antica cittadina fenicia e greca, si ritrova posizionata a 751 m di altezza sull’omonimo monte. Circondata da bastioni e mura, che servivano da protezione, la città è caratterizzata da stradine di ciottoli e da passaggi molto stretti. Le case, molto vicine tra loro, hanno dei cortili molto curati, ma posti all’interno delle cinte murarie delle abitazioni in modo da riservare l’intimità della vita familiare.

 

 

La città dai due volti (quello solare e luminoso delle calde giornate estive e quello delle giornate invernali quando è la nebbia a governare) riesce sempre a stupire il visitatore. Infatti, in mezzo a tali bellezze, chiunque potrà fantasticare, si potrà sentire come sul “monte che non c’è! L'atmosfera medievale e le belle pinete presenti qua e la, trasmettono un senso di tranquillità quasi paranormale!

 

 

Si dice che il monte Eryx era un punto di riferimento per i navigatori (lavoratori protetti da Venere).

 

 

Simbolizzata dal castello di Venere e dalla Chiesa Matrice, Erice gode di un ricco patrimonio artistico e soprattutto Scientifico. Infatti in città si eleva la chiesa di S. Pietro con il monastero che oggi ospita il centro culturale scientifico E. Majorana.

 

Go to top